Cosma, santo vescovo

S. Cos1Antichi scrittori tramandano che Cosma, Vescovo africano, sia nato a Palermo all’inizio del XII secolo.
Dall’infanzia apprese la pietà verso Dio e diventato adolescente vi si dedicò totalmente e fu ordinato Diacono.
Sommamente istruito nelle cose divine ed 
umane, ascese al sacerdozio e diffuse il buon odore di Cristo ovunque. La fama delle sue doti e della sua dottrina crebbe tanto che Ruggero, primo re di Sicilia, che aveva sconfitto i saraceni in Africa, lo segnalò alla Santa Sede perché fosse eletto Vescovo e diffondesse il Vangelo presso i popoli a lui soggetti. Consacrato a Roma da Eugenio III, Cosma si recò in Africa, nella città di Afrodisio, sulla costa tunisina.
Ivi si dedicò alla salvezza delle anime e alla gloria di Dio: liberò i saraceni dalla schiavitù e condusse molti alla Fede; la Chiesa che resse per circa dieci anni  illustrò con la parola e l’esempio e munì di ottime e sante leggi.
Essendo il re Guglielmo I tornato a combattere contro i saraceni, Cosma soffrì molto per la fede di Cristo. Persa ogni speranza di predicare il Vangelo, fece ritorno nella Città di Palermo ove si addormentò nel Signore il 10 Settembre del 1160.
Il suo corpo fu tumulato in un luogo degno di onore e precisamente nella Cripta della Chiesa Cattedrale, al centro della prima navata, ove ancora oggi esiste l’altare con i marmi musivi residui della cattedra vescovile.

.

Fonte: www.sanfrancescosales.it

Annunci

Blog su WordPress.com.