Agatone, santo Papa

81 AGATONEPalermo, 575 – Roma, 10 gennaio 681

Di origini palermitane, figlio di Pannonio, Agatone visse a cavallo tra il VI e il VII secolo. Per compiacere i genitori sposò Agatosa, una pia donna, con cui visse castamente per breve tempo. Dispensato dal vincolo matrimoniale abbracciò la vita monastica fra i benedettini di S. Ermete. Successivamente, chiamato da papa Gregorio Magno come suo collaboratore, si recò a Roma.
La sua vita fu colma di grandi virtù e dedicata allo studio. Creato cardinale da papa Dono, gli successe nel pontificato il 27 Giugno 678, alla veneranda età di 103 anni. Promosse la venerazione delle Sacre Immagini e fu un uomo di grande carità verso i poveri e gli afflitti. Abolì il donativo che i papi dovevano all’imperatore d’Oriente per l’accettazione della nomina e, nonostante le grandi difficoltà dell’epoca (vi fu una tremenda pestilenza durante il suo pontificato), riuscì a guadagnarsi la stima del clero e del popolo. 
Restaurò la Chiesa inglese, ristabilendo il vescovo Wilfrido nella sede di York e inviò l’abate Giovanni di San Martino per diffondervi il canto e l’ordinamento liturgico.
Durante il suo ministero si aprì il IV Concilio di Constantinopoli il 27 Marzo del 680, che condannò l’eresia monotelita, concludendosi il 16 Settembre 681; ma il Pontefice non poté vederne la conclusione poiché morì il 10 Gennaio del 681, e fu salutato dai Padri Conciliari come “il medico scelto dalla Provvidenza per allontanare dalla Chiesa il contagio della eretica pravità coi rimedi della ortodossia, e ridare ai fedeli il vigore della spirituale santità“.
Durante il suo pontificato ordinò tre diaconi, dieci sacerdoti e diciotto vescovi. Di lui abbiamo due lettere agli augusti Eraclio e Tiberio e una lettera a Edioro vescovo di Vienna.

Fonte: Carlo Gregorio, I Santi Siciliani.

Annunci

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.